Allarme per il Marebonus: Secondo Confitarma una difformità d’interpretazione del testo del regolamento applicativo metterebbe a rischio l’incentivo

porto_di_cataniaApprendiamo in un articolo apparso poc’anzi sulla rivista on-line Ship2shore, link: http://www.ship2shore.it/it/shipping/confitarma-lancia-l-allarme-sul-marebonus_65388.htm, che la Confederazione degli armatori solleva una difformità d’interpretazione del testo del regolamento applicativo che riguarda il Marebonus mettendo a rischio l’efficacia dell’incentivo all’intermodalità strada-mare.

La Confederazione italiana armatori in una nota sostiene infatti che, alla vigilia del decreto attuativo del provvedimento, la concreta applicazione del Marebonus sarebbe a rischio. La materia appare complessa (anche da comprendere) e l’associazione degli armatori la spiega così: “A seguito di un quesito rivolto dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti alla Commissione Europea, sarà decisiva per il successo del Marebonus l’interpretazione che verrà data al termine ‘aiuto’ utilizzato nella Decisione del 19 dicembre 2016 con cui la Commissione europea ha autorizzato l’incentivo”.

Confitarma scrive che la Decisione, da un lato prevede l’obbligo per l’armatore di ribaltare almeno il 70% dell’aiuto agli autotrasportatori; dall’altro prevede che lo stesso aiuto non possa superare l’importo degli investimenti sostenuti dall’armatore per poter far accedere gli autotrasportatori all’incentivo.

“Considerando che il Marebonus è rivolto all’autotrasporto e che gli armatori non ne devono beneficiare se non per compensare gli investimenti richiesti, secondo l’interpretazione logica, da sempre sostenuta da Confitarma, le compagnie di navigazione devono poter recuperare il costo degli investimenti effettuati per poter accedere al Marebonus, ribaltando agli autotrasportatori almeno il 70% del contributo ricevuto” aggiunge ancora Confitarma. “In pratica, considerati i 128 milioni di euro stanziati, gli armatori dovrebbero investire non meno di 38 milioni di euro per attivare l’incentivo di 90 milioni di euro a favore degli autotrasportatori (70% del contributo), con una compensazione di non più di 38 mln di euro (30% del contributo) per gli investimenti effettuati”.

Invece, secondo l’interpretazione letterale, più restrittiva, “l’intero contributo ricevuto dalle compagnie di navigazione – prosegue spiegando la Confeederazione degli armatori – viene considerato ‘aiuto’ e pertanto, per garantire agli autotrasportatori gli stessi 90 milioni di euro, le compagnie di navigazione dovrebbero investire per miglioramenti dei servizi esistenti ben 128 milioni di euro, ovvero l’intero stanziamento previsto per il Marebonus, recuperando al massimo 38 milioni di euro. Se così fosse resterebbero privi di compensazione ben 90 milioni di investimenti che l’armamento dovrebbe sostenere per poter consentire all’autotrasporto di usufruire dell’incentivo”.

Tale ipotesi, sostengono gli armatori, “non solo è iniqua ma anche incoerente con le indicazioni della Commissione europea”.

Nel quesito sopracitato il Ministero ha formalmente chiesto a Bruxelles di potersi attenere all’interpretazione logica condivisa con Confitarma ma fino a oggi non vi è stato ancora alcun riscontro.

Confitarma invita pertanto il Ministero a sollecitare la risposta di Bruxelles e auspica che questa possa giungere prima dell’emanazione del decreto. “Solo a seguito del riscontro della Commissione europea si capirà se il Marebonus sarà un incentivo efficace o se, invece, sarà uno strumento del tutto inapplicabile” conclude la confederazione presieduta fino al prossimo 11 ottobre da Emanuele Grimaldi, numero uno dell’omonimo gruppo armatoriale napoletano.

N.C.

Articolo tratto da: http://www.ship2shore.it/it/shipping/confitarma-lancia-l-allarme-sul-marebonus_65388.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *