Cronotachigrafo: la manomissione è reato solo se commessa dall’ impresa di autotrasporto

Il 2 maggio 2019 la Prima Sezione della Corte di Cassazione ha stabilito che la manomissione del cronotachigrafo è reato solo se è commessa dall’impresa di autotrasporto, anche se è stata compiuta in modo autonomo dall’autista.

Cronotachigrafo digitale inserimento Scheda Volvo

Con una nuova sentenza (la numero 18221 del 2 maggio 2019) i giudici di Cassazione tornano su quanto deciso nel 2017 dalla stessa Corte su una questione giudiziaria controversa, ossia se la manomissione del cronotachigrafo dei camion sia un reato o debba essere punita con una semplice sanzione amministrativa. Tale questione è emersa dopo che la Polizia Stradale ha cominciato a denunciare gli autisti, e in diversi casi anche le imprese titolari del veicolo, per violazione dell’articolo 437 del Codice Penale, che punisce la manomissione di strumenti che servono a prevenire gli infortuni sul lavoro. Dopo le prime condanne penali sono stati avviati i ricorsi in appello e in Cassazione, spingendo così la Corte suprema a decidere nel merito. La sentenza del 2 maggio conferma un orientamento già emerso in precedenza, ossia che la manomissione è reato solo se compiuta dall’impresa titolare del veicolo, mentre l’autista deve rispondere solo di violazione dell’articolo 179 del Codice della Strada, quindi pagare una multa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *