Il TAR del Lazio respinge per la seconda volta la richiesta di sospensiva. Soddisfazione UNATRAS

Lo scorso 28 Giugno per la seconda volta, il Tar Lazio ha respinto la richiesta, avanzata da Confindustria, Confetra e Autorità Antitrust, di sospendere l’applicazione dei costi minimi di sicurezza dell’autotrasporto, e ha rinviato al 25 ottobre 2012 la decisione definitiva.

Ne dà notizia Unatras, che esprime soddisfazione per la decisione del Tribunale Amministrativo.

“Il Tar del Lazio – sottolinea il Presidente di Unatras Francesco Del Boca – ha confermato la bontà del meccanismo di determinazione dei costi stabilito dall’Osservatorio sui costi minimi dell’autotrasporto e, più in generale, ha riconosciuto le finalità di tutela della sicurezza stradale e sociale fortemente volute e difese dalla categoria dell’autotrasporto per garantire una sana competitività e combattere il dumping sociale e lo sfruttamento”.

“Senza i costi minimi – aggiunge Del Boca – l’Italia rischia di diventare terra di nessuno in cui combattere una ‘guerra fra poveri’, italiani e stranieri, per il trasporto al prezzo più basso e svincolato da qualunque regola. Non è con le gare al ribasso che l’Italia potrà recuperare competitività, bensì con la qualità del trasporto in un mercato libero, senza disfunzioni e nel pieno rispetto della legalità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *