La Finanza giudica irregolari distributori interni di autotrasportatori e chiede la restituzione delle accise

AcciseLa Finanza ritiene illegittima la compensazione delle accise per il gasolio contenuto in cisterne prive di autorizzazione.

L’ampia indagine della Guardia di Finanza che nei mesi scorsi ha coinvolto numerose imprese di autotrasporto valtellinesi, alcune delle quali sono state sanzionate per non avere l’autorizzazione per l’installazione di distribuzione di gasolio aziendali, ha scatenato un caso nazionale.

Infatti, i Finanzieri hanno contestato alle imprese che non avevano l’autorizzazione anche la legittimità della compensazione sul credito d’imposta sulle accise per il gasolio contenuto nelle cisterne ritenute irregolari, moltiplicando quindi le sanzioni.

Tale compensazione potrebbe essere ritenuta sempre illegittima. Si tratta invece di valutare profili distinti che pur determinando un illecito amministrativo non possono e non devono inficiare il diritto dell’impresa a beneficiare del credito. Le imprese coinvolte da tale errata interpretazione rischiano di chiudere l’attività a causa delle ingenti somme che sarebbero costrette a restituire.

Si consiglia pertanto agli autotrasportatori in possesso di cisternetta interna di gasolio di controllare attentamente le autorizzazioni utili per il legittimo utilizzo della stessa e di utilizzare in alternativa le carte carburante anch’esse idonee per effettuare il recupero delle accise.

Per qualsiasi chiarimento in merito chiama il 3499115708, whatsapp sullo stesso numero, oppure compila il form sottostante:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *