Obbligatorio il DUVRI per il controllo a distanza dei lavoratori

tachigrafoL’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) torna, con la Circolare n. 302 del 18 giugno 2018, sulla questione del rilascio di provvedimenti autorizzativi per il controllo a distanza dei lavoratori per motivi di sicurezza sul lavoro.

Come è noto, l’art. 4 della legge 300/1970 – lo Statuto dei Lavoratori –  così come modificata dal D. Lgs. 151/2015, applicativo del cosiddetto Jobs Act –  stabilisce che gli impianti audiovisivi e gli altri strumenti, dai quali possa derivare la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori, possano essere impiegati, sui luoghi di lavoro.

Tuttavia, esso specifica che tale utilizzo è giustificato soltanto in riferimento ad alcune specifiche esigenze:

  • organizzative e produttive,
  • per la sicurezza del lavoro,
  • per la tutela del patrimonio aziendale.

Ai fini della concreta messa in servizio degli impianti è tuttavia necessario il preventivo accordo sindacale; in alternativa, può essere richiesta l’autorizzazione amministrativa presso i competenti uffici territoriali dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro.

L’INL, con la Circolare in oggetto, si sofferma poi sulle richieste di autorizzazione nelle quali la motivazione dell’installazione sia “la sicurezza del lavoro” e che tuttavia, tale motivazione sia espressa in modo del tutto generico.

L’INL chiarisce che in tutti i casi di richieste di autorizzazione legate ad esigenze di sicurezza del lavoro, dovranno essere, a cura dei richiedenti, espressamente specificate le motivazioni di natura prevenzionistica cui corrisponde l’installazione di impianti audiovisivi e di altri strumenti di potenziale controllo a distanza dei lavoratori,  corredando la richiesta con una apposita documentazione di supporto.

Il richiedente dovrà sempre allegare il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), al cui interno dovranno essere individuabili le motivazioni per cui l’uso dei suddetti mezzi di controllo possono prevenire o ridurre i rischi dei lavoratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *