Ottimizzazione degli autotrasporti: quali strumenti utilizzare

How-truckers-can-stay-healthy-on-the-roadGestire una flotta di autotrasporti è un compito che richiede molta attenzione e non sempre risulta semplice: si deve tener conto dei consumi, della manutenzione, della disponibilità dei mezzi e del personale, della sicurezza dei propri dipendenti e molte altre variabili.

Come fare per tenere tutto sotto controllo?
La tua opzione migliore è affidarti ad un software di gestione della flotta.
Questa soluzione consente di tracciare e controllare ogni veicolo utilizzato per il trasporto di merci presente nella flotta aziendale attraverso la raccolta e l’analisi dei dati provenienti dai mezzi utilizzati.

Così facendo, è possibile conoscere in tempo reale la posizione, le condizioni e il consumo del mezzo, oltre che offrire altri numerosi vantaggi per l’ottimizzazione degli autotrasporti tra cui:

  • controllare il percorso effettuato dagli autisti, per sapere se stanno seguendo la rotta pianificata o se hanno incontrato delle difficoltà;
  • stimare in anticipo i tempi di percorrenza e di consegna delle merci per poi confrontarli con i dati reali e migliorare così il servizio futuro;
  • monitorare le situazioni di emergenza e reagire in modo tempestivo, grazie all’allerta in caso di incidenti o furti;
  • ottenere un risparmio considerevole grazie ad una gestione più consapevole dei consumi di carburante e delle componenti del camion, tra cui gli pneumatici e i freni.

Un software di questo tipo ha, inoltre, il vantaggio di essere sempre in continuo aggiornamento e può essere diversificato, scegliendo gli strumenti più utili, in base alle esigenze specifiche della propria flotta.
Che tipo di strumenti e di funzioni sono disponibili per gestire al meglio la flotta? Come funzionano e quali sono le loro caratteristiche? Vediamole insieme.

 

GPS

Un software affidabile deve essere accurato e deve saper fornire le informazioni in modo dettagliato e, nel limite del possibile, in tempo reale, per questo un localizzatore GPS è uno degli strumenti più utili da implementare nella propria flotta.
Esso consente di monitorare e controllare il movimento di tutti i veicoli aziendali grazie al localizzatore satellitare installato in ognuno, sapere l’esatta posizione e il comportamento alla guida del proprio autista, vale a dire sapere la velocità mantenuta, i tempi di accelerazione e frenata, oltre che le soste avvenute.

 

Tecnologie di sicurezza

La protezione del carico, e del veicolo, è fondamentale sia per evitare ingenti perdite a causa di furti che per scongiurare il problema con clienti insoddisfatti: la tecnologia attuale consente di disporre di diversi strumenti che permettono di proteggere e tracciare le spedizioni aziendali intervenendo in tempo reale.

In caso di furto del camion stesso, sarà possibile bloccare il sistema direttamente dal proprio computer a discrezione del proprietario, lasciando quindi ben poco spazio di manovra al conducente, ma è anche possibile controllare direttamente l’accesso al vano di carico del veicolo attraverso dei sensori appositi che rilevano ogni qual volta lo sportello viene aperto o chiuso e registra anche se l’azione di apertura viene effettuata fuori dai luoghi autorizzati in precedenza.

 

Sensori di temperatura

Sono dei dispositivi che, attraverso degli speciali sensori elettronici, misurano e monitorano le temperature in modo indipendente dall’impianto di termo registrazione o di refrigerazione del veicolo.
In questo modo è possibile rilevare con più accuratezza se le soglie massime o minime di sicurezza sono rispettate oppure se il veicolo è soggetto a surriscaldamenti da tenere sotto controllo.

 

Dispositivi per gestire il carburante

Permettono di monitorare i livelli di carburante in ogni momento e di sapere quanto viene consumato dal veicolo sia in base ai chilometri percorsi che allo stile di guida dell’autista.
Inoltre consentono di misurare se il carburante consumato corrisponde effettivamente a quanto riportato nelle note di spesa in caso di eventuale rifornimento.

 

TPMS

La sigla TPMS sta per “Tire-pressure monitoring system”, che viene tradotto come Sistema di controllo della pressione degli pneumatici.
Attraverso questa tecnologia si monitora in modo costante, attraverso dei sensori, lo stato di salute degli pneumatici, grazie alla verifica di:
temperatura, che non deve superare i 90°;
pressione, della quale viene misurato il livello in percentuale rispetto allo standard previsto e che attiva un allarme nel momento in cui la pressione è inferiore o superiore al limite consentito;
danneggiamento alla gomma che può provocare fuoriuscite di aria e quindi una diminuzione di pressione.

 

Cronotachigrafo

Il cronotachigrafo è uno strumento ormai incorporato in ogni veicolo industriale e commerciale che misura principalmente la velocità del veicolo, la distanza percorsa e i tempi utili di guida di ogni autista.

Per gestire in modo conforme alla legge i dati raccolti sono disponibili diverse soluzioni che consentono di disporre di questi in tempo reale e di scaricarli senza dover aspettare che l’autista rientri in azienda.
Grazie ad esse, le funzioni non si limitano più alla misurazione dei tre parametri già nominati, ma consentono un’ulteriore classificazione rispetto all’anagrafica del conducente (con i dettagli sulle attività specifiche effettuate e le previsioni dei tempi di guida per ogni caso specifico), del veicolo utilizzato, e in base ai dispositivi utilizzati, ossia la gestione degli algoritmi applicati ai dati per la generazione di statistiche e report.

Da ricordare in particolare una cosa: che è importante dotarsi di un sistema di download dei dati che sia conforme alla legge.

Conclusione

Integrare gli strumenti di gestione della flotta è un vantaggio considerevole per ottimizzare il proprio servizio di autotrasporto e migliorare le prestazioni aziendali perché tengono sotto controllo le azione effettuate dagli autisti e, contemporaneamente, controllano lo stato di salute dei veicoli utilizzati.
In particolare, è possibile generare report di sintesi che consentono di capire, grazie alla raccolta di informazioni nel dettaglio sulla guida e sul consumo, se il servizio può essere migliorato o se rientra nei parametri ottimali aziendali.

Articolo tratto da: https://www.ecodriveacademy.it/blog/ottimizzazione-autotrasporti-quali-strumenti-utilizzare?utm_campaign=Truck24&utm_source=Referral

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *