Rimborsi sui pedaggi autostradali: “sorpresa” di fine anno da 160 milioni

untitled“Un buon modo per moltissime imprese di autotrasporto per finire l’anno vecchio e iniziare quello nuovo”. Così il presidente di Fai Conftrasporto Paolo Uggé ha commentato la notizia del pagamento, con valuta 30 dicembre, dello sconto sui pedaggi autostradali richiesto per il 2012 da tutte le imprese di autotrasporto che possedevano i requisiti per ottenerlo. “Come avevo avuto modo di preannunciare, grazie alla determinata azione della nuova presidente dell’Albo degli autotrasportatori e all’impegno del ministro ai Trasporti Maurizio Lupi, è stato possibile ottenere la disponibilità di circa 160 milioni di euro che sono stati messi a disposizione come cassa, consentendo dunque di fare una bella sorpresa di fine anno a moltissime aziende per le quali questo accredito rappresenta, in un momento difficilissimo, un’importante boccata d’ossigeno”, ha aggiunto Paolo Uggè, sottolineando come “il trasferimento della valuta già effettuato dalla Banca d’Italia abbia permesso a Fai Service di accreditare immediatamente i rimborsi sui conti degli associati”.

Rimborsi che ammontano a poco meno del 10 per cento di quanto speso in pedaggi dalle imprese di autotrasporto per tutti i propri mezzi a partire da Euro 3 in poi, decisione adottata per incentivare l’impiego di mezzi pesanti meno inquinanti. “Si tratta decisamente di una buona notizia di fine anno che va ad aggiungersi ad altri obiettivi particolarmente importanti raggiunti negli ultimi 12 mesi”, ha proseguito Paolo Uggè, “come le risorse stanziate dal Governo per il settore, fissate in 250 milioni di euro l’anno; la decisione di evitare il taglio dei rimborsi delle accise sul gasolio del 15 per cento; la previsione che la libertà contrattuale delle parti nel decidere il prezzo del trasporto debba tener conto dei principi di adeguatezza in materia di sicurezza stradale e sociale. O, ancora, la pubblicazione dei valori indicativi di riferimento dei costi di esercizio; la condizione pregiudiziale dell’esperimento del tentativo di negoziazione assistita nelle controversie in materia di contratto di trasporto e di sub trasporto; la dimostrazione della capacità finanziaria, attraverso la polizza assicurativa di responsabilità professionale, per finire con un calendario 2015 dei divieti al trasporto di merci meno pesante rispetto al passato. E questi sono fatti e non chiacchiere. Fatti che dovrebbero spingere a una riflessione, e magari a una bella autocritica, tutti coloro che in questo 2014 non hanno perso occasione per contestare l’Albo degli autotrasportatori, la sua utilità e le sue potenzialità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *