Decreto Sostegni: le misure che interessano autotrasporto e porti

Il Parlamento ha approvato la conversione del Decreto Sostegni con alcuni emendamenti importanti per l’autotrasporto e i porti. Nel primo caso, la novità più importante è l’esenzione dal contributo all’Autorità di Regolazione del Trasporto per il 2021. Ora la battaglia delle associazioni proseguirà per rendere definitivo questo esonero. Un altro importante provvedimento riguarda la sicurezza delle gallerie stradali, il testo prevede misure per migliorare e rendere più efficienti i dispositivi antincendio nelle strade e autostrade appartenenti alla rete transeuropea. In particolare, stabilisce tecniche e amministrative per adeguarle ai requisiti della Direttiva europea 2004/54/CE. Anas e concessionari autostradali devono redarre un progetto di sicurezza entro il 31 dicembre 2021 e completare i lavori di adeguamento entro il 31 dicembre 2025.

Le opere riguardano essenzialmente gli adeguamenti, e in alcuni casi la realizzazione, degli impianti di ventilazione, di illuminazione e antincendio, delle uscite di sicurezza, degli impianti di drenaggio dei liquidi infiammabili e tossici, della segnaletica stradale. Le norme, oltre a dare certezza agli operatori su modalità e tempi per le attività di adeguamento delle gallerie, forniscono una concreta risposta ai rilievi mossi dalla Commissione Europea sul processo di adeguamento delle gallerie alla relativa direttiva, che hanno condotto all’avvio di una procedura di infrazione nei confronti dell’Italia”, spiega il ministero Mims (ex Trasporti).

Nel trasporto marittimo il Decreto dispone un sosteno al reddito per 191 portuali di Cagliari e 90 di Catania, per accompagnare la riconversione ed evitare problemi di operatività degli scali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: