I 4 pilastri del MIMS e le sfide legate al Recovery Fund

L’Italia e l’Europa tutta si trovano davanti a una sfida epocale che è sembrata chiara anche ai referenti che hanno preso parte all’ultima riunione informale del Consiglio dei ministri dei Trasporti europei.

La sfida in questione – che si traduce nell’utilizzare al meglio la liquidità dei Recovery Fund per dare un forte impulso alle infrastrutture del Paese – è stata al centro dell’intervento del ministro Enrico Giovannini al summit Infrastrutture, Costruzioni e Intermodalità organizzato da EY.

Il titolare del ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili ha ribadito i 4 pilastri del suo operato: recuperare il ritardo negli investimenti sulle infrastrutture, accelerare l’intermodalità, investire sui porti, garantire il riequilibrio tra Nord e Sud.

L’Italia, come confermato anche da Giovannini, ha bisogno in media di dieci anni per realizzare un’infrastruttura strategica per il Paese ma questi tempi vanno assolutamente accorciati, visto che i fondi del Recovery vanno spesi in un massimo di 5 anni. Per questo bisogna da subito pensare a reingegnerizzare i processi, velocizzando progettazione, autorizzazioni e appalti.

Pubblico e privato, come sottolineato dal ministro, dovranno interagire per il rilancio dell’infrastrutturazione del Paese in un’ottica integrata, puntando sui soldi del PNRR ma non solo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: