Autotrasporto: passi avanti per i contributi investimenti 2019 e per il Marebonus

Seppur lentamente, avanzano le procedure per ottenere i contributi destinati al trasporto delle merci su strada e sul combinato strada-mare. Nel primo caso, a metà gennaio 2020 la società controllata dal ministero dei Trasporti Rete Autostrade Mediterranee ha inviato alle imprese di autotrasporto le credenziali necessarie per confermare, o eventualmente annullare, le domande per ottenere i contributi per gli investimenti in veicoli a basso impatto ambientale o per il trasporto intermodale attuati nel 2019. Questo è il passo successivo a quello compito dallo scorso ottobre, che consisteva nell’invio delle domande tramite posta elettronica certificata. Il termine per inviare la conferma è il 31 gennaio 2020 e le imprese che non lo faranno saranno considerate decadute dal beneficio, liberando così la somma loro destinata per altri richiedenti.
Ram ha anche stabilito il valore de contributo per gli armatori che forniscono servizi di al trasporto combinato strada-mare (marebonus). Il provvedimento si riferisce alla prima annualità che va dal 31 dicembre 2017 al 31 dicembre 2018. Il Decreto numero 176 del 13 settembre 2017 sul marebonus prevede che il contributo massimo che si può erogare è di 10 centesimi per ciascuna unità imbarcata moltiplicato per la percorrenza su strada evitata dal viaggio marittimo, espressa in chilometri. Poiché le risorse disponibili sono di 41.650.972,23, sulla base dei trasporti svolti Ram ha calcolato un valore di 0,0503 euro per ogni unità imbarcata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: