Confcommercio su frana A19, soluzioni rapide o sciopero fiscale

A19Anche Confcommercio Sicilia interviene sulla chiusura di un tratto dell’autostrada Palermo-Catania – “ennesimo disastro nel nostro territorio – e sulle conseguenze per l’Isola. “Il tempo delle parole è finito – dice il presidente Pietro Agen – Si passi ai fatti, si commissari, se necessario, la Sicilia ma si dimostri che, come in altre nazioni, si è in grado di fare fronte alle esigenze in pochi mesi rimediando alla situazione creatasi per poi ripartire con un piano organico di interventi”. Agen parla di una “situazione in cui la Sicilia è stata portata da decenni di gestione di una classe politica dimostratasi assolutamente inadeguata” e non esclude il ricorso a “quello sciopero fiscale nei confronti della Regione o dello Stato di cui sempre più spesso si parla a livello di media”. “Un’evenienza – aggiunge – non certo auspicabile ma purtroppo sempre più sentita come necessaria da larghi strati della popolazione e della classe imprenditoriale per provocare quel ricambio politico che nella sostanza non si è saputo attuare e di cui sempre più è percepita l’esigenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: