Uirnet progetta controllo telematico delle città

thZGVE38O4Il 19 ottobre 2016, la società del ministero dei Trasporti ha annunciato un progetto per controllare l’accesso dei veicoli che trasportano merci pericolose nel perimetro delle grandi aree urbane. Serve anche per contrastare attentati terroristici.
Per affrontare i rischi di veicoli commerciali che entrano nelle aree urbane con sostanze pericolose o che addirittura possano servire per compiere attentati, Uirnet propone un “recinto informatico” che permette in controllo a distanza degli accessi, come avviene già nelle Zone a Traffico Limitato delle grandi città. E proprio a Roma e Milano, dove esiste già l’infrastruttura, l’applicazione di questo telecontrollo potrebbe avvenire in tempi rapidi.
Il progetto è stato presentato il 19 ottobre dalla sottosegretaria ai Trasporti Simona Vicari durante un convegno organizzato a Roma da Uirnet e intitolato Viaggia in rete la sicurezza dei trasporti. “Uirnet si candida a realizzare in tempi stretti un sistema di riconoscimento automatico che autorizza e valida l’ingresso dei mezzi precedentemente verificati sia in funzione anti-terrorismo e di trasporto di merci pericolose e/o inquinanti, segnalando in tempo reale alle forze di polizia l’ingresso nelle zone protette di mezzi non autorizzati”, ha dichiarato Vicari. “Città pilota dovrebbero essere Milano, che ha già compiuto i primi passi in questa direzione, e in tempi brevi, Roma, ma l’obiettivo è di estendere questo progetto a tutte le maggiori città del Paese”.
La sottosegretaria ha parlato anche della piattaforma digitale per il trasporto che Uirnet sta preparando a livello nazionale: manca l’ultimo passo per renderla operativa e un raggruppamento capeggiato da Hewlett Packard Enterprise vuole investire 70 milioni di euro, mentre entro fine del 2016 dovrebbe essere deciso uno stanziamento pubblico di 20 milioni.

Tratto da: http://www.trasportoeuropa.it/index.php/logistica/archivio-logistica/15433-uirnet-progetta-controllo-telematico-delle-citta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: