Autotrasporto e Governo ai ferri corti

tir 3“Sì alla protesta, con un fermo dell’autotrasporto, ma solo come risposta a un Governo che non dovesse dare, in tempi rapidi, risposte concrete a tutte le richieste avanzate dal mondo dell’autotrasporto, risposte che il ministero ai Trasporti aveva garantito come certe nel protocollo d’intesa siglato nei mesi scorsi e che, a tutt’oggi, non ha mantenuto. Molte perplessità, invece, su una protesta indetta in risposta solo alla vicenda delle spese non deducibili, perché rischierebbe di essere una scelta destinata a indebolire invece che a rafforzare l’unione delle rappresentanze sindacali”. Queste le parole con le quali Paolo Uggè, presidente nazionale di Fai Conftrasporto, ha risposto ai giornalisti che, all’indomani del consiglio nazionale della federazione, gli hanno chiesto quali fossero state le decisioni emerse dall’assemblea, quale la replica a un Governo che, una volta di più, ha tradito la parola data.

“Fai Conftrasporto non poteva, non può e non potrà mai accettare in alcun modo che un Governo assuma degli impegni e poi non li mantenga”, ha precisato Uggè, “ma la risposta non dovrà riguardare il solo tema dei tagli decisi dal Governo sulle spese non deducibili: il fermo, qualora dovesse essere proclamato, dovrà rappresentare la rottura con questo Governo perché colpevole di non aver dato risposta a un insieme di soluzioni”.

“Per settimane il Governo non ha risposto alle istanze della categoria e, come non bastasse, a soli tre giorni dalla scadenza fissata per il pagamento delle tasse, l’Agenzia delle Entrate ha ufficializzato la decisione di ridurre drasticamente l’importo delle deduzioni delle spese non documentate spettanti alle aziende di trasporto di merci per conto terzi – ha continuato il presidente di Fai Conftrasporto -.  Di fronte a una simile presa di posizione, impossibile da giustificare, è invece comprensibilissimo che qualcuno voglia subito il fermo dei Tir.  Ma sarebbe strategicamente sbagliato. Meglio non ragionare troppo con la pancia in queste situazioni e pensare invece a tener sempre ben inquadrato il vero bersaglio, ovvero l’insieme dei problemi ai quali il Governo non sta dando soluzione. Contro quello bisogna battersi, con tutte le associazioni alleate fra loro”.

Tratto da: http://www.siciliaway.it/autotrasporto-e-governo-ai-ferri-corti/1412547

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: