Costi esercizio per autotrasporto febbraio 2017

Scania P 380 4x2 Citytrailer. Driver fill up RME at a gasstation. Västberga, Stockholm Photo: Carl-Erik Andersson 2008

Il ministero dei Trasporti pubblica sul sito web i valori del prezzo alla pompa del gasolio per aggiornare i costi del trasporto stradale. Aumento rispetto al 2016.

I valori calcolati dal ministero dei Trasporti si basano su quelli rilevati a gennaio 2017 dal ministero per lo Sviluppo Economico, che li ha diffusi (con ritardo) il 2 marzo 2017. Il prezzo medio alla pompa del gasolio è di 1398,15 euro per mille litri, un valore nettamente superiore non solo rispetto a quello rilevato a gennaio 2016 (che era di 1232,82 euro per mille litri), ma anche a quello di dicembre 2016 (1351,85 euro per mille litri). In questo periodo, l’accisa è rimasta invariata, quindi è aumentata la componente industriale, trascinando anche l’Iva. Il prezzo medio industriale alla pompa a gennaio 2017 era di 528,62 euro per mille litri, ossia 38 euro in più di dicembre 2016 e ben 135 euro in più di gennaio 2016.

Da questa base, il ministero dei Trasporti ricava il prezzo alla pompa del gasolio per le imprese di autotrasporto, che viene calcolato al netto dell’Iva (sempre) e della riduzione prevista per i veicoli industriali con massa complessiva superiore a 7,5 tonnellate e con motori Euro 3 e superiori. Nel primo caso (veicoli con massa inferiore a 7,5 tonnellate o con motore fino a euro 2) il prezzo del gasolio da considerare nei costi d’esercizio è di 1,146 euro al litro (contro 1,108 euro di dicembre 2016), mentre per i veicoli che beneficiano dello sconto è di 0,931 euro al litro (contro 0,893 euro di dicembre 2016).

Le prospettive per il futuro non sono chiare, perché resta l’incertezza sull’andamento del prezzo del petrolio, che ha superato i 50 dollari al barile dopo l’accordo tra i Paesi dell’Opec, ma che non tocca ancora il 60 dollari. Gli analisti sono divisi tra chi prevede un ulteriore aumento e chi è scettico sulla riuscita della politica dell’Opec verso il rialzo. C’è poi la questione tutta italiana delle accise che potrebbero aumentare per riequilibrare i conti pubblici. Nello stesso tempo, il Governo vorrebbe ridurre lo sconto per l’autotrasporto e ha già presentato una proposta per contrarre la percentuale per gli euro 3.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: