Il 2016 si è chiuso molto bene

Schermata-2017-01-16-alle-12.02.54Il 2016 si è chiuso molto bene. Accelerazione per autocarri e trailer, che chiudono il 2016 a +54 e +40 per cento, anche gli autobus crescono del 16,1 per cento.
A dicembre 2016, sono stati rilasciati 3.246 libretti di circolazione di nuovi autocarri (+193% rispetto a dicembre 2015) e 1.773 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti, ovvero con ptt superiore a 3500 kg (+97%). Per l’intero anno, risultano 23.370 libretti di circolazioni di autocarri nuovi (+54%) e 14.840 libretti di rimorchi e semirimorchi pesanti (+40%). Si tratta dei volumi più alti dal 2008, anno in cui furono registrati oltre 34.000 autocarri e 17.439 veicoli trainati. Il pur eccezionale risultato del mercato 2016 risulta ancora inferiore del 32% per gli autocarri e del 15% per i veicoli trainati rispetto ai volumi del 2008, anno appena precedente alla crisi finanziaria ed e economica. Tutti i mesi del 2016 – eccetto gennaio, a -2% – hanno visto rialzi a doppia cifra per il comparto degli autocarri medi e pesanti, che a dicembre registra la miglior performance dell’anno dopo quella già eccezionale di novembre (+104%). I volumi di dicembre 2016 sono quasi triplicati rispetto a quelli di dicembre 2015. Nell’ultimo trimestre dell’anno è stato immatricolato un terzo del mercato, con un balzo delle registrazioni del 107%, mentre la crescita media registrata nei primi 9 mesi dell’anno è stata del 37%. Secondo l’area geografica, il mercato dei 12 mesi risulta così ripartito: per il 30% nel Nord- Ovest (2,1 punti percentuali in meno del 2015), per il 29% nel Nord-Est, per il 18% nel Centro (2,5 punti percentuali in più del 2015) e per il 23% nel Sud e Isole. In particolare nelle regioni dell’Italia centrale, si è registrato un incremento medio annuale del 79%. Secondo la ripartizione per ptt, nel 2016 il mercato degli autocarri ha totalizzato 5.231 nuove registrazioni per veicoli con peso superiore a 3.500 kg e inferiore a 16.000 kg, che rappresentano il 22% del mercato e 18.139 nuove registrazioni per i veicoli con peso uguale o superiore a 16.000 kg.
PESANTI
Secondo la tipologia, nel 2016, il mercato è ripartito tra 12.111 nuove registrazioni di autocarri rigidi (+63%), pari al 52% del mercato, e 11.259 nuove registrazioni di trattori stradali (+46%). Secondo i macro allestimenti, tra gli autocarri rigidi, i cassoni rappresentano il 16% del mercato, seguiti dai furgoni con il 13% (di questi il 6,5% sono isotermici); le cisterne il 4% e i pianali l’1,4%, a cui si aggiungono gli autocarri adibiti al trasporto di rifiuti solidi, con il 2,9%, e gli autocarri portacontainers/casse mobili/scarrabili, con il 5,6% del mercato.

Trailer
I rimorchi e i semirimorchi con ptt superiore a 3.500 kg sono suddivisi in 1.386 rimorchi (+52%) e 13.454 semirimorchi (+39%). Anche per questo comparto si registra la performance migliore nel 4° trimestre, in cui è stato immatricolato il 35% del mercato, con un incremento dell’84% sull’analogo trimestre 2015.
Secondo l’area geografica, il mercato dei dodici mesi risulta così ripartito: per il 27% nel Nord- Ovest, per il 30% nel Nord-Est, per il 14% nel Centro e per il 30% nel Sud e Isole. Secondo i macro allestimenti, tra i rimorchi e semirimorchi pesanti, i cassoni rappresentano il 22% del mercato, i centinati il 17%, i furgoni (escluso isotermici) il 9% e i furgoni isotermici il 14%, i ribaltabili l’8%, i pianali il 4% e i portacontainers l’8%.
Autobus
Il mercato degli autobus con ptt superiore a 3.500 kg registra nel mese di dicembre 307 nuove registrazioni (+57%) e nel cumulato 2.799 unità (+16,1%).
Per il settore, si evidenzia un calo del mercato dell’8,5% nella prima metà dell’anno, e un recupero del 49,8% nella seconda metà, favorito dagli aumenti tendenziali nel 3° trimestre dell’8,6%, e nel 4° trimestre del 94%. Nel 2016, il comparto degli autobus/midibus specifici urbani e interurbani rappresenta il 31% del mercato; gli autobus specifici turistici sono il 29%, i minibus il 22% e gli scuolabus il 17%.
Il segmento degli autobus specifici urbani risulta ancora in calo del 26% rispetto al 2015 e pesa solo per il 15% del mercato (era il 23% nel 2015), mentre il segmento degli autobus interurbani registra un incremento del 5,5%. Meglio per il comparto degli autobus turistici, che registrano un incremento del 28% e per i comparti dei minibus e degli scuolabus che registrano incrementi rispettivamente del 30% e dell’85%.

Il 2016 si è chiuso molto bene

Tratto da: http://www.camionsupermarket.it/blog/2016-si-chiuso-bene/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: