Il Governo ha presentato il decreto che rivoluziona le Autorità Portuali

image

Il Consiglio dei Ministri di mercoledì 20 gennaio 2016 ha approvato il decreto che riduce le Autorità Portuali da 24 a 15 e che centralizza il loro governo. Novità anche su sportello unico doganale.

Dopo mesi d’attesa e con una scia di polemiche, il Governo ha finalmente presentato il decreto che rivoluziona le Autorità Portuali, ampliandone le competenze al distretto logistico e nello stesso tempo riducendone il numero, tramite l’accorpamento degli scali. Ed è stata proprio questa ultima decisione suscitare polemiche e malumori, con ogni campanile che ha cercato fino all’ultimo di mantenere a casa propria la sede dell’Autorità Portuale (che ora cambia nome in Autorità di Sistema Portuale). La seconda novità riguarda il governo delle Autorità, che sarà svolto da un organismo ridotto rispetto a oggi e nominato a Roma. Spariscono i Comitati Portuali e i rappresentanti degli operatori avranno solamente una funzione consultiva.
Queste misure rientrano nel cosiddetto decreto Madia, che riforma l’intera pubblica amministrazione, approvato dal Consiglio dei Ministri del 20 gennaio 2016. Le quattordici Autorità di Sistema Portuale (ASP) ricalcano lo schema dei porti core istituito dall’Unione Europea e gestiranno i cinquanta scali italiani. Le
Le ASP saranno governate da un Consiglio d’amministrazione formato da quattro o cinque persone, con un presidente nominato dal ministero dei Trasporti, dopo una consultazione con la Regione competente. Sparirà il Comitato Portuale, che oggi raccoglie i rappresentanti degli operatori e dei lavoratori del porto. Questi confluiranno in un Tavolo di partnernariato che non avrà alcun potere, ma solo una funzione consultiva. Le nuove Autorità di Sistema Portuale sono:
Autorità di Sistema Portuale del Mare Ligure Occidentale: Genova (sede), Savona e Vado Ligure
Autorità di Sistema Portuale del Mare Ligure Orientale: La Spezia (sede) e Marina di Carrara
Autorità di Sistema Portuale del Mare Tirreno Settentrionale: Livorno (sede), Piombino, Portoferraio e Rio Marina
Autorità di Sistema Portuale del Mare Tirreno Centro-Settentrionale: Civitavecchia (sede), Fiumicino e Gaeta
Autorità di Sistema Portuale del Mare Tirreno Centrale: Napoli (sede), Salerno e Castellamare di Stabia
Autorità di Sistema Portuale del Mare dello Stretto: Gioia Tauro (sede), Crotone porto vecchio e nuovo, Corigliano Calabro, Taureana di Palmi, Villa San Giovanni, Messina, Tremestieri, Vibo Valentia e Reggio Calabria
Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna: Cagliari (sede), Olbia, Porto Torres, Golfo Aranci, Oristano, Portoscuso-Portovesme e Santa Teresa di Gallura (solo banchina commerciale)
Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Occidentale: Palermo (sede), Termini Imerese, Porto Empedocle e Trapani
Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Orientale: Catania (sede) e Augusta
Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale: Bari (sede), Brindisi, Manfredonia, Barletta e Monopoli
Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio: Taranto
Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Centrale: Ancona (sede), Falconara, Pescara, Pesaro, San Benedetto del Tronto e Ortona
Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centro-Settentrionale: Ravenna
Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale: Venezia (sede) e Chioggia
Autorità di Sistema Portuale del Mare A.driatico Orientale: Trieste
In questa suddivisione appaiono alcune situazioni particolari, come Taranto e Ravenna, ognuno dei quali ha una propria ASP. Nel primo caso, abbiamo un porto praticamente inattivo, che ha perso completamente la movimentazione di container e che non ha neanche un concessionario del terminal. Nel secondo caso, la dimensione dello scalo e la mancanza di un retroporto logistico non giustificherebbero una propria ASP.
Il decreto prevede anche la creazione di due sportelli unici, quello doganale e quello amministrativo, che gestiranno tutte le pratiche inerenti le spedizioni portuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: