14 Luglio 2024
News

Il superammortamento trascina le vendite dei mezzi pesanti

In questa prima parte dell’anno 2019 prosegue in positivo nel mercato italiano il trend delle vendite di veicoli commerciali (autocarri con ptt fino a 3,5t). Anche il mese di maggio, infatti, secondo le stime del Centro Studi e Statistiche dell’UNRAE, l’Associazione delle Case automobilistiche estere, fa registrare un segno “più”, benché si tratti di una crescita più modesta rispetto a quella del mese di aprile 2019 che ha chiuso con un risultato a doppia cifra (+17,5%).

A maggio 2019 l’aumento delle immatricolazioni è del 6,6%, avendo archiviato 17.589 veicoli da lavoro contro i 16.498 del maggio 2018, quando il mercato segnava il terzo calo consecutivo e chiudeva con un -2,7%.Nel periodo gennaio-maggio 2019, quindi, l’incremento è del 6,5% e si arrivano a sfiorare le 80.000 unità (79.043 vendite rispetto alle 74.252 dello stesso periodo dello scorso anno).Anche a maggio – dichiara Michele Crisci, Presidente dell’UNRAE, l’Associazione delle Case Automobilistiche Estere – il Superammortamento, che consente alle piccole e medie imprese di poter portare in ammortamento il 130% del costo di acquisto del veicolo commerciale, si è dimostrato, come da sempre sostenuto dall’UNRAE, un valido sostegno alle vendite e, ancora di più, un contributo al rinnovo di un parco circolante annoverabile tra i più anziani d’Europa”.

“Alla luce di questa incisiva misura, è immaginabile ipotizzare un mercato veicoli commerciali per il 2019 in crescita rispetto al 2018, considerati soprattutto i risultati dello scorso anno, quando le vendite registrarono una serie consecutiva di performance negative da marzo a dicembre.”

Analizzando la struttura del mercato del periodo gennaio-aprile 2019 (con dati ancora suscettibili di leggeri aggiustamenti nei prossimi due mesi, a causa dei ritardi di immatricolazione) che totalizzava quasi 61.400 unità (+6,3%), si evidenzia una crescita a doppia cifra del noleggio (+10,6%) che recupera poco più di 1 p.p. in quota e si attesta al 29,6% grazie alle 18.200 unità. Solidi i risultati sia del noleggio a breve termine (+13,1%) con 2.184 unità che di quello a lungo termine (+8,6%) con quasi 14.500 immatricolazioni. Stabili in quota (22,3%), infine, gli acquisti dei privati, che guadagnano in volume il 6,2% con circa 13.700 veicoli. Dal dettaglio per motorizzazione, invece, risalta come unico segno negativo dei primi 4 mesi quello dell’ibrido che subisce una flessione del 78,9%, registrando appena 49 unità contro le 232 dello stesso periodo dello scorso anno e archiviando una quota dello 0,1% dallo 0,4% dei primi 4 mesi 2018. Da rilevare, inoltre, il continuo aumento del benzina, che nei 4 mesi marca un aumento del 129,8% e una rappresentatività che in un anno passa dal 2,2% al 4,9% a fronte delle quasi 3.000 unità vendute.Ottimo anche il risultato delle vendite di veicoli elettrici (seppur con volumi residuali) che registrano un incremento del 114,3%. Da sottolineare anche la performance positiva per il metano (+62,4% con quasi 2.500 unità) e per il Gpl (+35,3% e 1.358 immatricolazioni). In linea, infine, con lo scorso anno (+1,3%) le immatricolazioni di veicoli commerciali diesel che archiviano 54.244 vendite, scendendo però in quota all’88,4% del totale (-4,3 p.p.).Per concludere, le emissioni di CO2 nel comparto dei veicoli commerciali sono aumentate dell’1,4% passando da 157,1 g/km del gennaio-aprile 2018 a 159,3 g/km dei primi 4 mesi 2019.

Scopri di più da Truck24

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading