Prezzo energia spinge i costi delle navi ro-ro

Il carburante rappresenta circa il trenta percento del costo d’esercizio di una ro-ro riferisce Assarmatori. Il presidente dell’associazione degli armatori, Stefano Messina spiega che “adeguare i noli e le tariffe, e quindi il costo dei biglietti, sarà una scelta obbligata per evitare la sospensione di quei servizi marittimi da e per le isole”. Messina ricorda anche che le imprese stanno ancora aspettando i ristori previsti da diversi provvedimenti legislativi per limitare le conseguenze economiche dell’emergenza sanitaria.

Gli armatori chiedono l’adeguamento automatico delle tariffe in base al costo del carburante, specialmente per le navi impegnate nei collegamenti da e per le isole. “Questo avrà un effetto inflattivo, non possiamo nasconderlo, ma non possiamo neanche pretendere che siano i fornitori del servizio a farsi carico di questi aumenti: non parliamo infatti di una differenza minima, ma di un sostanziale raddoppio dei costi legati al bunker”, precisa Alberto Rossi, segretario generale di Assarmatori.

Si prevede un altro salasso per le aziende di autotrasporto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: