Scarico memoria di massa del Crono: come comportarsi in caso di noleggio o locazione senza conducente

Secondo l’art 84 del Codice della Strada “Un veicolo si intende adibito a locazione senza conducente quando il locatore, dietro corrispettivo, si obbliga a mettere a disposizione del locatario, per le esigenze di quest’ultimo, il veicolo stesso”.

L’utilizzo di un veicolo in locazione senza conducente è ammesso purché:

  • Sia immatricolato o messo in circolazione nello stato membro di stabilimento dell’impresa locataria;
  • Che azienda locatrice e locataria siano entrambe aziende di autotrasporto di cose per conto di terzi iscritte all’Albo Nazionale.
  • Il contratto sia di sola messa a disposizione del veicolo e non anche di servizio concluso con la stessa impresa riferito a personale di guida o accompagnamento;
  • Sia in esclusiva disponibilità dell’impresa locataria per la durata del contratto;
  • Sia guidato da personale dell’impresa utilizzatrice.

L’azienda utilizzatrice deve avere a bordo copia del contratto di locazione (vedi fac simile in fondo a questo articolo) e per quanto riguarda il conducente, busta paga più recente o copia del contratto di lavoro in modo tale a provare la regolarità del rapporto di lavoro.

Gli obblighi di scarico della memoria di massa del tachigrafo sono a carico dell’impresa utilizzatrice o dell’impresa locatrice?

L’impresa che utilizza il veicolo è quella su cui ricade l’obbligo di scaricare la memoria di massa del tachigrafo.

L’impresa che cede in locazione il veicolo:

– Effettuare lo scarico della memoria di massa

– Effettuare lo “sblocco” del tachigrafo

In questo modo l’azienda che prenderà in locazione il veicolo non avrà la possibilità di “vedere” i dati.

L’impresa utilizzatrice nel momento in cui prende in locazione il veicolo deve inserire la propria carta azienda nel tachigrafo ed effettuare il “blocco” dei dati.

Cosa deve fare l’azienda utilizzatrice prima di riconsegnare il veicolo al locatore?

Prima di restituire il veicolo dovrà effettuare lo scarico della memoria di massa ed infine lo “sblocco” dei dati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: