Nuove carte tachigrafiche: Stop a sanzioni e registrazione manuale in attesa del D.M.

Come sapete le Camere di Commercio non possono distribuire le carte per la nuova generazione di cronotachigrafo (entrata in vigore il 15 giugno) fino a quando la Gazzetta Ufficiale non pubblicherà il Decreto attuativo del ministero dei Trasporti, che stabilisce le caratteristiche e le modalità di emissione delle carte.

È un problema che diventa più grave col passare del tempo e proprio per questo il ministero dell’Interno ha diramato il 10 luglio una nota con cui indica alle Forze di Polizia di non multare gli autisti che hanno la domanda di richiesta di una nuova carta tachigrafica e che hanno registrato i tempi di guida e di riposo in modo manuale, nelle modalità previste dall’articolo 35 del Regolamento UE 165/2014. Ovviamente tale situazione non può durare a lungo, perché si basa solo sulla dichiarazione degli autisti e la nota del ministero dell’Interno non vale per l’estero. Comunque non risolve il nodo della taratura da parte delle officine. In quest’ultimo caso, quelle che non hanno la nuova carta si rivolgono a quelle che sono riuscite ad acquisirne una del lotto francese, acquistato prima del 15 giugno 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: