13 Aprile 2024
News

Recupero Pedaggi Autostradali: definite le percentuali di sconto per il 2022

La Gazzetta Ufficiale numero 112 del 15 maggio 2023 ha pubblicato le percentuali di recupero dei pedaggi autostradali pagati dalle imprese di autotrasporto nel 2022, stabilite dalla delibera numero 6 approvata il 5 maggio dal Comitato Centrale dell’Albo. Come ogni anno, il Comitato ridefinisce le percentuali sulla base delle risorse disponibili. Le percentuali dipendono dal fatturato dell’azienda (o del consorzio cui l’impresa aderisce), a partire da 200mila euro, e dalla classe ambientale dei veicoli industriali (che sono solo Euro V, Euro VI o trazione alternativa). Sono quindi esclusi dal rimborso tutti i diesel fino all’Euro IV.

Le percentuali sulla base delle cinque fasce di fatturato sono:

  1. Da 200.000 a 400.000 euro – veicoli Euro V: 3% veicoli Euro VI o trazione alternativa: 5%
  2. Da 400.001 a 1.200.000 euro – veicoli Euro V: 5% veicoli Euro VI o trazione alternativa: 7%
  3. Da 1.200.001 a 2.500.000 euro – veicoli Euro V: 7% veicoli Euro VI o trazione alternativa: 9%
  4. Da 2.500.001 a 5.000.000 euro – veicoli Euro V: 9% veicoli Euro VI o trazione alternativa: 11%
  5. Oltre 5.000.000 euro – veicoli Euro V: 11% veicoli Euro VI o trazione alternativa: 13%

Le imprese che hanno pagato almeno il 10% dei pedaggi per viaggi notturni (ossia entrando in autostrada dalle 22.00 alle 2.00 e uscendo prima delle 6.00) ottengono un aumento del contributo del dieci percento, con un limite massimo di riduzione del 13%.

La domanda per ottenere il rimborso deve essere presentata solamente per via telematica, tramite la sezione dedicata del sito web dell’Albo. La procedura è divisa in due fasi. La prima prevede la prenotazione e inizia alle 9.00 del 5 giugno 2023 per terminare alle 14.00 dell’11 giugno. Alle 9.00 del 26 giugno inizierà la seconda fase per l’inserimento dei dati, che durerà fino alle 14.00 del 21 luglio. Le imprese potranno chiedere il contributo solo per i veicoli industriali immatricolati in Italia o quelli dell’UE che viaggiano con licenza comunitaria.

Scopri di più da Truck24

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading